mf3

Metafamiglia dal 2003 è Unità locale dell'Istituto “La Casa” di Milano, ente autorizzato ad operare nel territorio italiano dalla Commissione Centrale per l'Adozione Internazionale presso la Presidenza del Consiglio. Metafamiglia offre formazione e sostegno per il percorso adottivo, seguendo la coppia prima dell'adozione e la nuova famiglia dopo l'adozione del bambino.

 


pre adozione     

Alle famiglie che hanno scelto di adottare tramite l’Istituto la Casa si offre un corso di preparazione per coppie in attesa di adozione, colloqui informativi e un sostegno nella fase di attesa dell’abbinamento.

 


post adozione  

La fase post adottiva sta particolarmente a cuore all'istituto La Casa e, condividendone i principi, Metafamiglia offre:

  • uno spazio di sostegno alla genitorialità tramite incontri individuali e di gruppo;
  • un luogo di gioco, amicizia e osservazione psicomotoria per i bambini più piccoli;
  • il gruppo di parola per i preadolescenti.

formazione

Il Centro offre alle scuole, ai genitori e alle persone interessate, percorsi formativi e serate di approfondimento dei bisogni e delle tematiche legate ai bambini e ragazzi adottati.

 


laboratori

Il Centro promuove laboratori di diversa natura, nella propria sede, nelle scuole e in strutture private.

 


laboratorio di narrazione della propria storia

Di cosa si tratta? Un laboratorio per rendere narrabili, e quindi consapevoli, alcune sfumature della propria personalità, caratteristiche che ognuno presenta in modo diverso dagli altri perché diversa è la storia e il modo di percepire il mondo. Questa attività si può realizzare in molteplici contesti, tra cui la scuola.

Per chi? Bambini delle classi 3-4-5 della scuola primaria e ragazzi delle classi 1-2 della scuola secondaria di primo grado.

Come? Attraverso un percorso di 4 incontri gli studenti sono invitati a riflettere sulla consapevolezza di se stessi, per poi proseguire nell’esplorazione delle emozioni, nella narrazione di una propria storia ed infine nell’approfondimento del rapporto con gli altri.

 

progetti

Il Centro collabora con le amministrazioni locali ed enti privati in merito alla tematica.


le fatiche dei bambini e la scuola una relazione di aiuto efficace

Si tratta di un progetto realizzato grazie al contributo del BIM e condotto nel 2012 in collaborazione con l’Ufficio Scolastico Provinciale e il Centro Adozione dell’ASL di Sondrio, volto a sensibilizzare e creare una cultura di attenzione ai bisogni dei bambini che affrontano situazioni particolarmente complesse, critiche e faticose, con un particolare approfondimento sui minori adottati.

Attraverso una serie di incontri rivolti agli insegnanti dei Mandamenti di Morbegno-Chiavenna e Sondrio-Tirano-Alta Valle, sono state approfondite diverse tematiche: l’adozione dal punto di vista giuridico e l’iter istituzionale che la riguarda, il trauma dell’abbandono e la sfera emotivo-relazionale che coinvolge i bambini e i ragazzi adottati, l’alfabetizzazione emotiva come processo necessario allo sviluppo di un sé armonico e competente socialmente.

 


figli del cuore, adozione: una scelta da sostenere e un viaggio da condividere

Si tratta di un progetto realizzato grazie al contributo della Fondazione ProValtellina ONLUS nel 2016, in partnership con l’Istituto Pio XII di Sondrio, gli Istituti Comprensivi di Morbegno,  Tirano e Polo di Centro – Sondrio e in collaborazione con l’Istituto La Casa di Milano e il Centro Adozioni dell’ASL di Sondrio.

Il progetto mirava da un lato a realizzare azioni per sostenere le famiglie nella loro scelta adottiva, dall’altro a sensibilizzare i servizi pubblici e privati a riconoscere meglio i bisogni dei bambini che intercettano, ed intervenire in modo efficace.

E’ stato, così, possibile realizzare gruppi post adozione rivolti sia ai genitori, per offrire loro assistenza psicologica e creare un contesto di confronto, sia ai figli, per dare loro uno spazio nel quale condividere le proprie esperienze e confrontarsi con il gruppo. Per le famiglie adottive, inoltre, sono stati organizzati degli incontri pubblici a Sondrio e Morbegno su tematiche specifiche.

Altrettanti incontri sono stati rivolti ad educatori che operano in agenzie educative extrascolastiche, pubbliche o del privato sociale, al fine di facilitare la comprensione delle specificità e delle modalità relazionali dei figli adottivi.

Nelle scuole sono stati proposti "laboratori di narrazione" con il gruppo classe, per favorire il benessere scolastico e l’inserimento positivo dei minori adottati.

 


chi se ne occupa  

Il lavoro dell’Associazione è svolto in equipe con la collaborazione e il confronto tra varie figure professionali: consulente familiare, psicologa, psicoterapeuta, educatore, psicomotricista.

Cristina Baldini, psicologa e psicoterapeuta

Francesca Gusmeroli,  psicologa e psicoterapeuta

Manuela Rossi, educatrice

 

267px-F_icon.svg.png

Don't have an account yet? Register Now!

Sign in to your account